Politicians and Election, Vote in Freedom, Actively Participate in Democracy, Vote for Change, Online referendum
left right close

Lega Nord per l'Indipendenza della Padania

> Italy > Parties > Lega Nord per l'Indipendenza della Padania
Lega Nord per l'Indipendenza della Padania is ready for your opinion, support and vote. Vote online NOW!
 
photo  Lega Nord

Lega Nord - for

La Lega Nord per l'Indipendenza della Padania (Lega Nord o solo Lega) è un partito politico italiano. | The Northern League (LN) is a political party in Italy.
 NO! Lega Nord

Lega Nord - against

Fare clic su, se non supportano la Lega Nord. Dire perché. | Click, if you do not support the Northern League. Say why.

Online election results for "Lega Nord" in graph.

graph
Graph online : Lega Nord per l'Indipendenza della Padania
Full functionality only if Javascript and Flash is enabled
> Lega Nord per l'Indipendenza della Padania >

News

On. Grimoldi (lega nord) – Renzi si arrampica sugli specchi per non ammettere che la nostra crescita è zero. e tra un mese servono 15 miliardi per evitare aumento iva...
03 settembre - "È a dir poco incredibile come Renzi si arrampichi sugli specchi cercando di mascherare il fallimento della sua politica economica, un fallimento certificato dai numeri che sentenziano che il nostro Pil è inchiodato su una crescita zero, dopo aver balbettato nel precedente trimestre un misero 0,7% di crescita, ben lontano dal 1,2% che pochi mesi fa prometteva il Pinocchio fiorentino. E a bocciare la politica economica di Renzi ci sono altri numeri impietosi, c'è un debito pubblico zompato alle stelle a 2248 miliardi, c'è la disoccupazione giovanile al 39,2%, c'è il crollo della produzione industriale, c'è la frenata nei consumi. Renzi la smetta di arrabattarsi intorno agli zero virgola: semplicemente l'Italia non cresce e la nostra economia non è ripartita, alla faccia dei suoi proclami. Ed entro ottobre occorre reperire 15 miliardi per evitare un nuovo aumento dell'Iva che ci farebbe finire in totale recessione..."   Lo dichiara l'on.Paolo Grimoldi, Segr
Calderoli. La sconfitta della Merkel conferma il no dei cittadini alla politica dell'invasione. Non vediamo l'ora di poter dire NO a Renzi e alla sua riforma
05 settembre - La sconfitta di Angela Merkel nelle elezioni regionali del Meclemburgo non fa che confermare la volontà dei cittadini europei di dire NO alla politica del buonismo e delle porte aperte che ha causato l'invasione dei nostri Paesi, a partire dall'Italia, da parte degli immigrati clandestini. Lo schiaffone che la Cancelliera ha dovuto incassare ieri non è niente, in confronto a quello che attende il suo pupillo Renzi: il NO alla riforma Boschi, che già per testo e contenuti meriterebbe di essere respinta, dovrà essere così netto e inequivocabile da mandare a casa il Governo abusivo e porre fine ai disastri dei quali si sta rendendo responsabile. Il ministro Gentiloni ha consigliato a frau Angela di proseguire nella politica dell'accoglienza nonostante la mazzata presa; continuino pure a ragionare ed agire così, senza accorgersi che la gente non ne può più della loro volontà di sostituirci con gli immigrati, importando manodopera a basso costo a favore delle multina
Salvini: "Schiaffone alla Merkel"
4 settembre - Fantastico voto in Germania: schiaffone alla Merkel nella sua regione e trionfo di Alternativa per la Germania, alleata della Lega e della Le Pen. Ovviamente molti giornalisti italiani, ignoranti o in malafede, parlano di vittoria degli "xenofobi, razzisti, estremisti, populisti" e bla bla bla... Vogliamo solo essere Liberi, vogliamo serenità, lavoro, regole e rispetto. Questa Unione Europea di banchieri e massoni, con l'Euro moneta criminale difesa da Renzi e dai fessi, è un mostro da abbattere. Forza, siamo sulla strada giusta, ora tocca a noi! Lo afferma Matteo Salvini su Facebook
Calderoli. Basta rinvii, il Referendum appartiene al Popolo e non al Governo, ora Mattarella intervenga
05 settembre - È già passato quasi un mese da quando la Cassazione ha dato il via libera per l'ammissibilità del referendum e da Palazzo Chigi non si vedono segni di vita. Non era Renzi che voleva farlo il 2 di ottobre? E non erano sempre Renzi e la Boschi che, successivamente, parlavano della seconda o terza settimana di novembre? E invece ora si comincia a parlare di dicembre… Adesso basta, scenda in pista Mattarella per tirare le orecchie a Renzi e dargli un ultimatum per fissare la data. Il referendum è uno strumento di democrazia, non il giochino per cercare di raccogliere consenso o peggio ancora un risultato da ottenere ad ogni costo sfruttando ogni possibile trucco, compreso l’inserire favori nella legge di stabilità per cercare così di aumentare i consensi. I cittadini italiani vogliono votare il prima possibile questo referendum, per votare NO alla pessima riforma Renzi, mandarlo a casa e poter tornare al voto per scegliere chi dovrà guidare il Paese, risolve



 
sondaggi partilega nord, The forming of lega nord and why?, Regioni italiani.it, chiesa e lega nord, sostenitrice lega nord, sondages lega nord, chiesa e lega-nord, rapporti tra la chiesa e la lega nord and more...
load menu